Se vi trovate in Irlanda, più precisamente nella contea di Cork, non perdetevi una visita al Blarney Castle, non resisterete alla tentazione di salire i 1200 gradini, sdraiarvi sulla schiena rimanendo sospesi nel vuoto per baciare la magica pietra di Blarney.

Perché baciare la pietra di Blarney? Sicuramente è un’attività molto divertente per i turisti, ma al contempo chi lo fa spera che si avveri la leggenda. In sostanza, la famosa Blarney Stone concederebbe il dono dell’eloquenza.

E ogni anno, migliaia di visitatori attendono pazientemente il loro turno, prima di sporgersi oltre la merlatura, reggendosi da soli o grazie all’aiuto degli amici, per poter baciare la pietra.

La Blarney Stone si trova incastonata nel muro del camminamento di ronda, nella parte superiore del castello e le sue origini sono abbastanza incerte. Dato certo, secondo i geologi dell’Università di Glasgow, è che si tratti di roccia calcarea tipica del sud dell’Irlanda.

Le leggende sulla Blarney Stone

Secondo una leggenda, la pietra di Blarney risalirebbe addirittura ai tempi di Giacobbe e sarebbe giunta in Irlanda tramite il profeta Geremia. Sulla Blarney Stone si sarebbero seduti i più grandi re d’Irlanda durante l’oncoronazione.

Altri racconti, invece, ritengono che la pietra sia stata donata al signore del castello di Blarney da una vecchia strega che era riuscita, grazie al dono dell’eloquenza, a convincere la regina Elisabetta I a concedere in uso le terre senza pretendere i diritti di proprietà.

Infine, un altra leggenda vuole che la pietra di Blarney sia stato il cuscino del letto di morte di San Colombano. Qualunque sia la sua reale origine, alla Blarney Stone oggi è riconosciuto il dono di portafortuna e, se baciata, di dare in dono l’arte dell’eloquenza.

La nascita della credenza

Sembra che all’origine della credenza ci sia stato un battibecco tra la regina Elisabetta I e un certo Cormac Teige MacCarthy, proprietario del castello. Durante il diverbio, il nobile sarebbe riuscito a tenere testa alla regina così bene che la stessa, dopo aver letto una sua lettera, avrebbe commentato: “This is all Blarney, he never means what he says, he never does what he promises” (È tipico di Blarney, non pensa mai ciò che dice, non fa mai ciò che promette). Da quel momento, il termine blarney (lusingare) sarebbe entrato nell’uso comune della lingua inglese.

La maledizione di Blarney

Se baciare la pietra di Blarney porta il dono della parlantina, allo stesso tempo raccogliere qualsiasi pietra dal castello è tutt’altra cosa. Questo gesto, infatti, risveglierebbe una maledizione secondo la quale tutte le pietre prese dal castello troverebbero in qualche modo la via del ritorno.

Tutte le persone che hanno rimosso un pezzetto di Blarney Castle hanno infatti cercato di liberarsi dalla sventura restituendo la refurtiva. Nel 2009 il sito di Blarney Castle ha pubblicato un vero e proprio ammonimento con il riferimento della storia di un turista canadese che non aveva rispettato la maledizione.