Hotel del Coronado

Alla ricerca di alberghi infestati ci imbattiamo nell’Hotel del Coronado, un albergo lussuolo alle porte di San Diego (California), dove circolano le voci della presenza del fantasma di Kate Morgan, una donna morta nel 1892.

l’Hotel del Coronado fu costruito nel 1888 e dal 1977 è monumento storico nazionale. Al suo interno sono passati molti ospiti, tra cui celebrità come Marilyn Monroe e ancora oggi è più vivo che mai il ricordo di un racconto spettrale che parla di un amore non corrisposto.

L’hotel del Coronado sarebbe infestato dal fantasma di una giovane donna vestita con un abito di pizzo nero e la sua presenza è stata testimoniata dai racconti dei dipendenti che dagli ospiti che hanno soggiornato al The Del, nome che comunemente viene utilizzato per chiamare l’albergo.

Si parla di correnti di aria inspiegabili, rumori e strani riflessi sugli specchi oltre, ovviamente, all’apparizione del fantasma stesso, che si aggirerebbe all’interno dell’edificio e in spiaggia.

La stanza 3327

Il fantasma dell’Hotel del Coronado, lo spettro di Kate Morgan per l’appunto, alloggerebbe nella stanza 3327. La donna avrebbe soggiornato in questa stanza nel lontano 1892, mentre attendeva di incontrare il suo ex marito.

Il marito non si fece vivo, mentre Kate qualche giorno dopo fu trovata cadavere sulla spiaggia dell’hotel con una ferita di arma da fuoco alla tempia. Il suo spettro non avrebbe mai lasciato l’hotel e darebbe spesso dimostrazione della sua presenza attravero apparizioni dirette, ma anche improvvisi abbassamenti di temperatura e strani rumori inspiegabili.

La stanza 3327 è il luogo dove le attività paranormali dell’Hotel del Coronado sarebbero più intense, tanto da essere stata scelta da molti amanti del mistero, che probabilmente sperano di vedere il fantasma di Kate Morgan.

Chi non fosse così fortunato da trovarsi faccia a faccia con il fantasma, di certo non potrà rimanere indifferente di fronte al televisore che si accende da solo, alle luci che improvvisamente diventano tremolanti o ai bisbigli e sussurri dietro alla porta della propria camera.

Una notte all’Hotel del Coronado, infatti, può essere anche questo: profumi mai sentiti e uno spostamento inaspettato della tenda con porta e finestra chiuse.

Una storia vera

Quella di Kate Morgan è una storia vera. Lo si evince dalle pagine del libro Beautiful Stranger: The Ghost of Kate Morgan and the Hotel del Coronado, scritto da Christine Donovan, storica, la quale ha personalmente raccolto tutte le informazioni sul caso.

Dai registri dell’hotel sarebbe stata confermata la presenza in albergo di una donna dal nome Lottie Bernard, arrivata il 24 novembre 1892. La donna, molto bella e con capelli neri e lucenti, sarebbe arrivata all’Hotel del Coronado senza bagagli e con un aspetto malaticcio e turbato.

Lottie raccontò in albergo di aver viaggiato in treno con il fratello e di aver dimenticato la sua valigia sul treno. Era certa che presto suo fratello gliela avrebbe fatta recapitare. Tuttavia, dopo una settimana il bagaglio non era ancora arrivato, così la donna disse che avrebbe raggiunto il fratello a San Diego con i mezzi.

Da San Diego Lottie ritornò, priva di bagaglio, ma con una pistola e delle munizioni che utilizzò poco dopo per uccidersi sulla scalinata che porta alla spiaggia dell’Hotel del Coronado. Si scoprì in seguito che Lottie Bernard era un nome inventato ma era esistita realmente una donna di nome Kate Morgan che, insieme al marito di nome Thomas, viaggiava sui treni truffando i passeggeri con il gioco del poker.

Per quanto riguarda il motivo che spinse Kate a suicidarsi proprio all’Hotel del Coronado l’inchiesta non fu in grado di appurarlo. Si pensa che marito e moglie si fossero separati e che la donna, al momento della morte, fosse incinta. Nel bagaglio di Kate, effettivamente ritrovato nella casa di Thomas, fu rinvenuto del chinino, che all’epoca veniva usato per provocare l’aborto.

La morte di Kate fu archiviata come suicidio, sebbene un secolo più tardi un avvocato indagò sul caso e si accorse che il proiettile che aveva ucciso la donna era di un calibro diverso rispetto a quello della pistola ritrovata a fianco al cadavere. Nonostante ciò, il caso non fu mai riaperto.

A San Diego è stata individuata anche la tomba di Kate Morgan.

Marilyn Monroe all’Hotel del Coronado

Tra chi ha avuto a che fare con il fantasma di Kate Morgan ci sarebbe un nome celebre: Marilyn Monroe, che durante le riprese del film A qualcuno piace caldo si recò insieme a tutta la troupe presso l’Hotel del Coronado per girare alcune scene.

Sembra che la diva abbia avvertito un senso di disagio nel recitare sulla spiaggia e abbia spesso raccontato di strane presenze che la disturbavano. Alla Monroe è legato anche un altro fatto abbastanza inquietante che potrebbe essere collegato al fantasma di Kate.

Al piano terra dell’albergo c’è una raccolta di souvenir con diversi cimeli di Marilyn, che il personale dell’albergo è stato costretto a spostare in posizione più appartata a seguito di inspiegabili fatti (bicchieri in frantumi, fotografie e oggetti lanciati per aria e così via). Tutto questo avrà a che fare con il fantasma di Kate?

Probabile, visto che appena la vetrinetta è stata spostata sono cessati anche gli incidenti. Una dipendente dell’albergo di nome Mary, che lavora nel negozio di souvenir, avrebbe confermato i racconti sull’impossibilità di tenere gli oggetti della Monroe sugli scaffali perché sarebbero volati via.