Uno tra i castelli più interessanti nella provincia di Viterbo è il Castello di Soriano, maestoso e imponente a ridosso del borgo medievale sottostante. Oltre alla bellezza architettonica, questo gioiello della Tuscia è una metà imperdibile per gli amanti del mistero e delle leggende.

È qui, infatti, al Castello Orsini di Soriano che possiamo scoprire la storia del fantasma Marcello? Chi era Marcello? Lo vedremo a breve, forse vi interesserà sapere che negli anni sono state raccolte numerosissime testimonianze di avvistamenti del fantasma di Marcello, diventato ormai parte della visita.

Breve storia del castello

Il Castello di Soriano fu costruito nella prima metà del XIII secolo e, ad oggi, grazie alle opere di ristrutturazione, ci accoglie in buone condizioni. Nel 1559 il castello era la residenza di Giovanni Caraffa, nipote di Paolo IV, e di sua moglie donna Violante Diaz Carlon.

Il castello ha forma di parallelepipedo, circondato da un camminamento di ronda e da una cinta muraria. Dopo essere passato dai Borgia, agli Albani e i Della Rovere, il castello di Soriano fu ceduto al pubblico demanio e trasformato in un carcere. L’attività carceraria, condotta per più di 100 anni fino al 1989, ha lasciato pesanti impronte sull’architettura del maniero.

La visita al castello è ben lontana dall’immage fiabesca che spesso ci aspettiamo, ma è comunque molto interessante per via dell’aspetto misterioso e dall’imponenza delle mura che trasmettono il potere difensivo e protettivo della fortezza.

Il fantasma Marcello

Torniamo ai nostri fantasmi e, in particolare, al fantasma Marcello. Il marito aveva deciso che donna Violante risiedesse al castello di Gallese durante la gravidanza. Qui, la sua bellezza non passò inosservata e suscitò addirittura l’interesse di suo cognato Carlo. L’uomo tentò diversi approcci ma la nobildonna lo respinse sempre, così ferito nell’orgoglio, decise di vendicarsi.

Carlo si recò dal fratello Giovanni Caraffa e instillò in lui il dubbio dell’infedeltà di sua moglie con il maestro di camera Marcello Capece. A corte erano tutti consapevoli che Marcello era il confidente di donna Violante e condivideva con la nobildonna gioie e pensieri, ma null’altro.

Uccisione di Marcello

Accecato dalla gelosia, Giovanni fece rinchiudere Marcello nei sotterranei del castello, dove subì giorni di torture prima di essere interrogato. Nonostante le testimonianze dei sudditi che deponevano a suo favore, l’uomo non riuscì a convincere il conte di non essere l’amante della moglie e fu ucciso personalmente da Giovanni con 27 pugnalate. Era l’8 agosto 1559.

Donna Violante, strangolata nel castello di Soriano

A donna Violante non fu riservata una sorte migliore. La nobildonna, infatti, fu fatta strangolare il 20 agosto nel castello di Gallese. Secondo la leggenda, nelle notti d’estate, nei sotterranei del castello di Soriano si udirebbero i disperati lamenti di Marcello.

Indagini al castello di Soriano

Le esperienze vissute e raccontante dai visitatori hanno finito per incuriosire un team di esperti di fenomeni paranormali. Si tratta del Ghost Hunters Roma, che ha visitato il Castello Orsini di Soriano alla ricerca di qualche indizio sulla presenza evanescente del fantasma di Marcello.

Già dai primi momenti si sono presentate molte anomalie dei campi elettromagnetici e una presunta voce registrata, che sembrerebbe appartenere a un bambino. Secondo le ricostruzioni, tra le mura del castello potrebbe essere stato sottratto un bambino ad una madre.

Ci sarebbe poi la figura di un uomo che porta via un bambino riccio. Sembrerebbe essere proprio la madre del piccolo la figura di donna comparsa nell’ex cappella.

Castello Orsini di Soriano nel Cimino

Via della Rocca snc
01038 – Soriano nel Cimino (VT)

Prenotazioni: 0761 748871 – 378 3033319