Ex Ospedale marino piemontese

I luoghi abbandonati ci piacciono moltissimo ed eccoci qui all’ex Ospedale Marino Piemontese, a Loano in provincia di Savona. Finalmente abbiamo deciso di avvicinarci a questa struttura fatiscente che per anni ci ha incuriosito.

Quante volte, passandoci abbastanza vicino sulla via Aurelia, il nostro sguardo è stato catturato dall’imponenza della sua forma e dal mistero celato dietro a qualche finestra aperta….

Un luogo abbandonato da 32 anni evoca sempre un grande mistero, la struttura ospedaliera e gli edifici presenti all’interno sono dismessi e in completo stato di degrado.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ospedale.jpg

Così, qualche settimana fa abbiamo deciso di accorciare le distanze e, se possibile, entrare nell’ex ospedale, ma una volta arrivati davanti al grande cancello rosso, ci attendeva qualcosa di veramente strano che non siamo riusciti a spiegarci ……..

Mentre ci aggiravamo intorno alla proprietà, abbiamo fatto alcune foto e notato che in più punti della vecchia recinzione la rete è stata divelta e allargata per poter entrare.

Subito dentro, si nota l’incuria del tempo e le erbacce che in alcuni punti hanno raggiunto altezze ragguardevoli. Nonostante tutto, però, sembra che sia rimasto un sentiero abbastanza spianato per raggiungere l’edificio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ospedale1.jpg

Oltre la delimitazione della proprietà, si intravede parte della struttura. Ci colpisce molto l’immobilità di quelle persiane spalancate, senza vetri, rimaste immutate negli anni giorno dopo giorno, temporale dopo temporale, notte dopo notte.

Non mancano le solite scritte e gli accumuli di materiale vario, tra cui bottigliette di acqua e calcinacci. Fin qui tutto bene, finché ci troviamo di fronte alla decisione di valicare o meno quel passaggio nella rete, entrare o meno in una proprietà privata, rischiare magari di incontrare qualche senza tetto di passaggio.

Mentre ci accordiamo sul da farsi, succede qualcosa di strano… iniziamo a sentire una sensazione non proprio positiva che, invece di spingerci ad entrare, sembra spingerci ad andarcene.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ospedale-abbandonato.jpg

Dalla strada ci troviamo di fronte al cancello rosso e anche qui la sensazione di non essere ben accetti è palpabile, intorno a noi un silenzio assordante interrotto solo dai nostri passi sulle foglie. Ed infine, accade l’imprevisto che pregiudica tutto il resto della nostra visita all’ex Ospedale Marino Piemontese.

Scendendo leggermente, scorgiamo la piccola chiesetta bianca adiacente all’ospedale abbandonato. Ci avviciniamo sul sagrato e osserviamo, da una delle piccole finestre frontali, l’interno della Chiesa. I vetri delle finestre sono rotti e dentro si notano panche e materiale ammassati.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è chiesa-ospedale.jpg
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è retro-chiesa.jpg

Lasciamo il sagrato e, riferendoci alla Chiesa, pronunciamo questa frase “E’ abbandonata“. Seguendo il muretto bianco, continuiamo ad osservare l’ex ospedale che si trova esattamente dietro alla Chiesa e improvvisamente…..

sensazione stranissima, come se qualcosa o qualcuno…. forse una spinta? Ruzzolone rovinoso sui gradini consumati e in parte ricoperti da aghi di pino caduti e resi levigati dal tempo.

La nostra visita all’ex Ospedale Marino Piemontese termina così, con un evidente ematoma e la sensazione di non dover entrare in quel luogo. Chissà se torneremo in questo luogo abbandonato, dove sono passate e, purtroppo, decedute tante persone. La Chiesetta era probabilmente un luogo dove tanti cercavano il conforto spirituale di fronte a una sorte sfortunata.

Prossima tappa del nostro tour savonese ci porterà alla visita, seppur esterna, del Castello Borelli di Borghetto Santo Spirito.