Rocca Monaldeschi

Arriviamo a Rocca Monaldeschi, altra tappa del nostro itinerario alla ricerca dei luoghi più suggestivi del Lazio. Conosciuta anche con il nome di Castello di Bolsena, Rocca Monaldeschi della Cervara di trova in provincia di Viterbo e richiama ogni anno migliaia di visitatori per via della sua leggenda.

La struttura della fortezza, situata nel centro storico di Bolsena, appare massiccia e maestosa nella sua forma trapezoidale racchiusa tra le quatro torri angolari. Oltre ad essere un’importante attrazione turistica per via della sua bellezza, il Rocca Monaldeschi è nota agli amanti del mistero per le numerose manifestazioni di presenze paranormali avvenute tra queste mura.

La nostra visita alla Rocca Monaldeschi inizia dallo scenografico ponte di legno, che segna l’ingresso al borgo medievale. Passiamo attraverso le sale del Museo e apprendiamo che il lago di Bolsena era un antico vulcano. Salendo al secondo piano, si incontra un ambiente dedicato alla storia, con reperti del periodo romano, etrusco e rinascimentale.

Arrivati finalmente nei sotterranei, ci attende la sorpresa di un suggestivo acquario con pesci tipicamente lacustri. Per finire il nostro percorso, saliamo sui camminamenti e da qui possiamo ammirare una vista meravigliosa sul lago.

Un po’ di storia

Il Castello viene costruito nel 1156 da papa Adriano IV, con lo scopo di proteggere il territorio dalla minaccia degli attacchi di Federico Barbarossa. La famiglia Monaldeschi entra in possesso della fortezza nel 1295 e nei successivi XIV e XV secoli, la struttura viene potenziata con mura di difesa più robuste. Dopo il restauro, terminato negli anni 90, la Rocca Monaldeschi diviene la sede del Museo territoriale del lago di Bolsena.

Entriamo nel mistero

Il Castello di Bolsena è piuttosto conosciuto anche per il mistero che si cela dietro le apparizioni che, negli anni, hanno stupito e incuriosito i visitatori. Queste manifestazioni soprannaturali sarebbero legate ad un evento particolare, ovvero il ritrovamento di alcune ossa che inizialmente sono state attribuite al cardinale Tiberio Crispo.

Quest’ultimo, è improvvisamente scomparso dopo essere stato accusato di fomentare ribellioni e allontanato dalla Rocca. In seguito, si è scoperto che i resti ossei appartengono invece ad un antico castellano, ucciso anch’esso per la sua ribellione al Signore del luogo.

Stando alle testimonianze, nel Castello ci sarebbero state numerose apparizioni di un fantasma. Lo spettro si manifesterebbe solitamente in una sala dalle pareti finemente affrescate, soprannominata la sala del fantasma.

I visitatori, trovandosi nella suddetta sala, hanno riferito di aver sentito dei forti brividi e la sensazione di essere osservati da uno sguardo maligno.

Come raggiungere Rocca Monaldeschi

La Rocca si trova nel centro storico di Bolsena. Il modo più comodo per visitare il Castello è arrivare in auto. Siamo a 30 km a Nord di Viterbo. La Via Cassia è a 30 km a Nord di Viterbo.

Dove soggiornare in zona

Volete dormire direttamente sul Lago? Le strutture qui vi offrono la soluzione ideale, ampi spazi esterni per gustarsi la bellezza del Lago di Bolsena, strutture pulite e curate all’insegna della cordialità e buona cucina.

Dove mangiare sul Lago di Bolsena

Per gustare i piatti tipici della Tuscia, vi consigliamo di provare il Ristorante La Francigena, dove troverete piatti caserecci e una carbonara da urlo. Se preferite, invece, il pesce di lago il posto giusto è la Trattoria da Guido, grigliate di pesce lacustre affacciati sul porticciolo.

Proseguire il viaggio

Un’idea per trascorrere ancora qualche ora in questa zona suggestiva potrebbe essere una visita a Civitecchia, con la sua Rocca dei Papi.