Lazzaretto

Restiamo in Sardegna, alla ricerca dei luoghi infestati della regione e ci occupiamo del fantasma bambino dell’ex Lazzaretto di Cagliari. Secondo le testimonianze, ci sarebbero state diverse manifestazioni dello spettro di un bambino.

La storia

Il Lazzaretto di Cagliari, voluto dal re Vittorio Amedeo II di Savoia, venne costruito durante il XVII secolo per ospitare i malati di peste. In seguito, nel 1720 la struttura, a seguito di un ampliamento, divenne ospedale per malati di malattie contagiose.

Terminata la sua funzione, il Lazzaretto di Cagliari subì il degrado di lunghi anni di incuria e abbandono, fino al 2000 quando riaprì i battenti, completamente restaurato, per ospitare manifestazioni culturali.

Entriamo nel mistero

Al calar della sera l’ambiente si fa più suggestivo, anche per i racconti popolari dell’avvistamento del fantasma di un bambino all’interno dei locali dell’edificio. Si tratterebbe di un’anima errante senza pace.

Il fantasma si divertirebbe a spegnere e accendere le luci, far suonare gli strumenti musicali presenti all’interno del centro culturale e giocare a palla con un teschio. Lo stesso sarebbe stato trovato più volte fuori posto dai guardiani.

Una notte, a struttura chiusa, si sarebbe addirittura sentito il suono di un tipico strumento sardo, le launeddas, nei giorni in cui questi strumenti erano presenti nel centro per una mostra.

Le stranezze, all’interno dell’ex Lazzaretto di Cagliari, non finiscono qui. Il fantasma si divertirebbe anche a nascondere le scope e i secchi degli operatori e più volte si sarebbero trovati dei fumetti per bambini fuori posto e aperti.

Ma chi è questo fantasma bambino? Forse uno dei bambini morti all’interno dell’ex Lazzaretto per la peste o per la tubercolosi? Si tratta davvero di una presenza o è solo la suggestione provocana dalla struttura?